No! Vi supplichiamo, vi preghiamo, vi esortiamo!

NO AI RICATTI NATALIZI!

Sentiamo di continuo al supermercato, per strada, al parco giochi, l’utilizzo smodato del ricatto di Natale: Se non fai la brava Babbo Natale non ti porta i regali!

Ma perché?

Non siamo in grado di farci ascoltare senza la minaccia dell’albero vuoto?

Non sappiamo gestire i nostri figli e ogni scusa è buona per togliergli qualcosa?

Siamo davvero sicure/i che sia l’unica strada educativa?

Babbo Natale arriva perché il Natale è una festa!

E per quale assurdo motivo la festa dovrebbe essere per mesi sotto ricatto?

Perché ci si deve arrivare esausti dal continuo “Babbo Natale non porta, Babbo Natale ti vede, Babbo Natale sa tutto!”?

Così, invece che la gioia dell’attesa per il Natale, lo trasformiamo nell’incubo di aspettative di Babbo Natale! (Questo rompiscatole che ci controlla dall’alto e sa tutto di noi e se facciamo qualcosa di male ci sentiamo in colpa… maledetto senso di colpa! Maledetto Babbo Natale!)

Che poi, come diciamo sempre, ma che significa fare il bravo?

Fare i compiti senza protestare, finire tutta la cena, dire sempre di sì, non arrabbiarsi mai, che altro????

Come si definisce una brava bambina? Quella zitta e remissiva, che non si sente mai, che si lava sempre i denti, che non chiede mai un giocattolo al supermercato??? Che altro?

A noi i bravi bambini e le brave bambine non piacciono per niente, ci piacciono le bambine libere, felici e vivaci, i bambini liberi, felici e vivaci!

Babbo Natale porta i doni perché sei un bambino, una bambina, non perché “fai il bravo”.

Babbo Natale porta i doni perché il dono senza avere niente in cambio è magia!

È bello sapere che qualcuno mi ama incondizionatamente!

(E poi sarà bello scoprire che quel qualcuno erano proprio mamma, babbo, zii, nonno, nonna!)

Facciamola finita di ricattarli, se non ci ascoltano impegniamoci a capire perché, cambiamo metodo, cambiamo le nostre giornate! Addolciamoci! Ma lasciamo fuori Babbo Natale!

Salviamo Babbo Natale!

Francesca e Sadia Safina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *