Cosa fare nelle tristi e grigie giornate di pioggia?

Semplice! Leggere insieme e inventare storie. Si fa così:

1. Scegliere la storia giusta

I libri sono perfetti, oppure fantasia a gogo! Potete leggerli lì per lì, se sono storie brevi, oppure averli letti qualche tempo fa rispolverandoli.

2. Travestirsi

Scegliere i vestiti dall’armadio di mamma o papà, oppure da quello di nonna, cercare oggetti in cucina, mestoli, scudi, drappeggi, cuscini per creare una pancia, insalata per una barba, lasciate che loro vi diano idee frugando per casa

3. Impersonare personaggi e mondi inventati

Libertà totale divertendosi a più non posso girando per casa conciati peggio che a carnevale. Urlando, cantando, sfidandosi! Lasciamoci guidare dai nostri bambine e bambini, la fantasia è innata! Mettiamoci tutto l’impegno possibile, se non ci facciamo trascinare dalla storia a giro per la casa non potremo divertirci, nè loro nè noi.

(Se non avete voglia di giocare metteteli pure davanti alla tv!)

(No scherziamo, non provateci!!)

Alternative alle solite storie:

Le storie raccontano la nostra visione del mondo e la trasmettono ai nostri figli e figlie, e allora provate a sovvertire gli stereotipi delle favole, inventandovi storie di draghi buoni e lupi gentili, di nonnine ladre e bambine coraggiose, di nonni dispettosi, piratesse alla conquista del regno delle polpette…insomma sfogate la fantasia e lasciatevi guidare dai vostri figli e figlie, liberandovi dalle prigioni di cappuccetto rosso premurosa e indifesa e principi coraggiosi che salvano principesse: fatele salvare da sole queste principesse, dotatele di ingegno e coraggio!

Lasciate i principi azzurri a casa a stirare (anzi, lasciate stare anche l’azzurro e i mantelli, ma mettetegli un bel grembiule verde!), togliete le matrigne e lasciate le mamme forti e coccolose, il bosco e il farcela insieme.

E al grido di “coraggio mie giraffe valorose” scoprirete le nuove connessioni cerebrali che si attivano nelle loro testoline e intuirete la grandiosità di immaginare sé stessi in un futuro che potranno scegliere liberamente, sapendo che ciascuno può sognare anche la luna, che è gialla, o viola, o arcobaleno!

Alcuni libri (in ordine sparso) che possono darvi molta ispirazione:

La principessa e il drago, Robert Musch (dai 2 anni)

Lotta combinaguai, Lindgren(dai 4 anni)

Facciamo che, Marois/Dubois (dai 5 anni)

Una splendida giornata, Jackson-Lee (dai 2 anni)

Il libro delle cose reali e fantastiche, Bauer-Spitzer (dai 2 anni)

Dory fantasmagorica, Hanlon (dai 5 anni)

Ti mangio, Fardell (dai 2 anni)

Storia incredibile di due principesse che sono arcistufe di essere oppresse, Colli (dai 2 anni)

Il mostro peloso, Bichonnier (dai 3 anni)

Il paese delle pulcette (2-6 anni), Il cicciapelliccia (2-8 anni), Un grande giorno di niente (dai 4 anni), I cinque malfatti (da sempre), (insomma tutti i libri di Beatrice Alemagna)

Biancaneve e i 77 nani, Calì (dai 4 anni)

Zog, Sheffler-Donaldson (dai 2 anni)

Sulla collina, Sarah-Davies (dai 3 anni)

Pippi calzelunghe, Lindgren (dai 3 anni)

La fabbrica di cioccolato, il GGG, Le streghe (dai 6 anni), (insomma tutti i libri di Rohal Dahl)

Suvvia, andate a giocare adesso!

Francesca e Sadia Safina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *