Casa Safina

Come far amare la lettura ai bambini?

casa safina leggere

‘Non legge mai, non vuole leggere! La lettura non gli piace proprio!’

Quante volte lo sentiamo dire…

Il piacere della lettura nasce da subito,

dal gusto dell’ascolto di voci, di storie, di parole, di musica.

Fin dalla vita intrauterina i nostri piccoli ascoltano la voce della mamma, la sua musicalità, la sua cantilena.

Ascoltano storie.

Il tempo della lettura va imparato: trovate il tempo di leggere di giorno, di sera, in bagno, al mare.

Cercatelo, ritagliatevelo, progettatelo.

Non aspettatevi che capiti, perché non capita dal cielo!

Il tempo che dedicate a leggere con i vostri figli e figlie è un tempo che loro amano tanto: è qualcosa che coinvolge entrambi, c’è scambio di emozioni, di risate grasse, condivisione di stati d’animo come quando vi mettete davanti ad un’opera d’arte!

C’è amore!

 

IN GRAVIDANZA

Quando leggete in gravidanza, leggete anche a voce alta, divertitevi a leggere già delle storie alla vostra piccola o piccolo, storie che piacciono a voi. Anche voi papà, leggete ad alta voce fuori dalla pancia, la vostra voce arriva fin dentro, diventa amore.

 

NEONATI

Già da piccolissimi leggete loro tutto ciò che volete!

Mentre si addormentano a pochi mesi nella culla, leggete soprattutto libri che piacciono a voi e che non vi annoiano.

Anche se non capiscono, è fondamentale che inizi un linguaggio di belle parole, gli entra nelle orecchie, costruisce mattoncini inconsapevoli per il futuro.

Dai 6 mesi, quando stanno seduti o sedute, leggete i primi libri insieme. Quelli tattili, con i suoni, grandi figure dai contorni chiari, storie piccolissime e molto semplici, che si raccontano con tanto amore.

 

DA 1 a 6 ANNI

Gettiamo le basi per l’amore della lettura.

Continuiamo a leggere insieme, vicini, in braccio.

Scegliete storie un po’ più complesse, libri senza parole (che loro possono leggere anche da soli, chiamati Silent Book), libri con finali a sorpresa, da ridere, di avventura, di storie coraggiose.

E magari possiamo disegnare ciò che abbiamo letto.

Oppure possiamo mimarle, o modificare le stesse storie e cambianre i finali, inventandone uno diverso ogni volta e sorprendendoli.

Dai 5 anni possiamo introdurre storie più lunghe, a capitoli, sempre da leggere in due.

 

DA 6 ANNI IN POI

Anche dai 6 anni fa bene continuare a leggere insieme.

Storie lunghe a capitoli, libri consigliati dalle maestre. Non smettiamo di leggere per loro, anche se pian piano iniziano a leggere. Non smettiamo di leggere abbracciati, perchè a loro fa sempre bene.

E quando leggono da soli, sosteniamoli, via via che imparano.

leggere casa safina

COME SI FA

Prendeteli in braccio, oppure su due seggioline piccine, sul divano, per terra, sbizzarritevi!

E leggete! Fate le voci, da principesse e da mostri, enfatizzate ciò che leggete, interessateli! Fate i dialetti, recitate, divertitevi!

Fatelo diventare un rituale continuo… e non solo la banale storiellina prima della nanna! (Che uggiaaaa!)

E insegnategli cosa si può leggere e cosa no, libri più corti per la sera, libri lunghi al pomeriggio.

Insieme scegliete commentando, facendogli scoprire pian piano il limite buono.

 

MA VOI LEGGETE? CHE MODELLO SIETE?

I vostri figli e figlie vi vedono mai con qualcosa in mano che non sia un telefonino? Che so, una rivista, un giornale, un libro di quelli con le pagine di carta…? Che modello gli state dando? Pensateci…

 

 

DOVE

Non comprate libri spazzatura, comprate libri buoni!

Di solito non si trovano al Supermercato (lì ci sono solo quelli acchiappavendite, con contenuti pessimi, che spesso scimmiottano i cartoni animati più in voga), si deve andare a trovarli nelle biblioteche, nelle librerie da bambini, quelle gestite col cuore.

Cercate la libreria per bambini e bambine più vicina a voi, a Firenze e dintorni, per esempio, abbiamo Cuccumeo, Farollo e Falpalà, Liblab.

E ci sono anche biblioteche stupende dove chiedere, farsi guidare, lasciarsi portare da bibliotecari e bibliotecarie fantasiose!

Cercate sul web le pagine che aiutano a scoprire le belle storie, ad esempio “La biblioteca di Filippo” su Facebook, “Scaffale Basso” e “Galline Volanti” sul web.

 

BIZZE E MANCANZE

Prima della nanna la lettura molto spesso è un pretesto per cercare di sanare i sensi di colpa, sappiatelo! E quando è così serve a voi genitori che di giorno non avete trovato un’ora da dedicare a loro.

Sono bambini ai quali mancano i genitori di giorno e allora se li tengono stretti di notte, ma giustamente!

Capricci su capricci per non finire mai la storia della sera.

Provate ad abbracciarli un po’ di più… a fargli sentire la presenza con l’affetto dei baci, non con riempitivi esterni.

Provate ad organizzare meglio il lavoro, rinunciate alle pulizie di casa, trovate più tempo per loro.

E poi metteteci i libri, serenamente.

Dentro al momento della lettura insieme ci sta tanta affettività, ricordi profondi di momenti piacevoli che ritorneranno in superficie quando quei momenti si rivivono.

L’apprendimento della lettura, il suo tecnicismo è un apprendimento spontaneo, prima o dopo tutti impariamo a LEGGERE!

Non c’è fretta!

Ma la passione per la lettura no: il gusto pieno, il piacere di leggere lo trasmettiamo noi adulti..

 

Nutritevi e nutriteli di storie buone.

 

 

Ora chiudi tutto, vai e leggi!

Francesca e Sadia Safina

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: